• Abiti per il tuo lavoro

    Da noi puoi trovare un vasto assortimento di abiti da professianli per accompagnarti in sicurezza nel tuo lavoro.

    Read More +
  • Linea Masterchef Siggi

    Da noi puoi trovare tutta la linea Masterchef originale Siggi subito disponibile presso il nostro negozio o su ordinazione.

    Read More +
  • Lavoro e femminilità

    Tutti i tipi di abiti professianali di ogni colore e taglia per lavorare lasciando spazio alla propria femminilità

    Read More +
> <
  • 1
  • 2
  • 3

Storia

La CO.F.A.M. è un'azienda familiare creata nel febbraio del 1973 dalla Signora Albina Franco Demarchi, nata a Viola, da sempre una monregalese legata alla contrada del Borgheletto.
E' la "signora dei grembiuli" che giovanissima impara il mestiere di taglio e cucito seguendo i corsi liberi di Gina Parola in piazza Santa Maria Maggiore a Mondovì.
In seguito si perfeziona a Torino alla scuola di cucito dell'istituto Magda De Lazzari e contemporaneamente lavora.
Nel 1963, giovanissima, apre una scuola di cucito in Piazza Roma: insegna a cucire a giovani ragazze e produce modelli di carta per le molte "sartine" della zona monregalese. Le piace ballare e nella sala "La Taverna" del Park Hotel conosce Pietro, un giovane di Benevagienna che diventerà suo marito nel 1972 e che sempre la sosterrà, lavorerà con lei e contribuirà allo sviluppo dell'azienda di famiglia.

Nel febbraio 1973 Albina amplia l'attività. Rileva la licenza della Signora Revello Chiera ed apre il suo primo laboratorio di sartoria in via Beccaria al primo piano del numero civico 30, sotto i portici. In seguito, nel 1978, si trasferisce in via Giorda 6 al primo piano e riesce ad acquistare i locali di proprietà della professoressa Manfredi Rossi. Dal 1980 al 1995 l'attività è frenetica, nel laboratorio lavorano 10 dipendenti e, quando occorre, si coinvolgono anche le sartine del territorio che lavorano a domicilio. Nell'azienda di famiglia i ruoli sono ben definiti e sintetizzati dal marito Pietro: "mia moglie è la mente, io sono il braccio".

La signora Albina è l'artista, la creatrice della produzione, progetta e realizza i modelli, decide la produzione, coordina il lavoro delle lavoranti e riesce a conciliare al meglio il suo lavoro di artigiana con quello di madre di due figli. "Si lavorava 8 ore (dalle 8 alle 12 e dalle 14 alle 18) e dopo cena ritornavo in laboratorio - racconta Albina - portando con me i figli piccoli, preparavo il lavoro per le lavoranti e progettavo i modelli da realizzare. Poi arrivava mio marito a riordinare il locale affinchè tutto fosse pronto per la nuova giornata di lavoro".
Il marito di occupa della distribuzione, diventa un abile rappresentante dei prodotti dell'azienda, si occupa anche dell'acquisto delle stoffe e dei filati necessari.

La famiglia Demarchi decide di sperimentare anche il commercio al dettaglio e nel 1986 apre il negozio nello stabile "ex Zucco" in via Beccaria 43/a nei locali dove prima c'era un deposito di piastrelle. Albina trasferisce l'abitazione della famiglia sopra il negozio e mantiene l'attività del laboratorio di via Gioda. Lungo la giornata è facile incontrare sotto il vicolo del Borgheletto "la signora dei grembiuli" che, con passo rapido, va dal negozio al laboratorio o dal laboratorio al negozio. La globalizzazione e l'industrializzazione esasperata impongono alla signora Albina, nel 2001, di chiudere il laboratorio di via Gioda e licenziare tutte le dipendenti perchè non è più possibile competere con la concorrenza dei grandi gruppi industriali. Mantiene l'attività di commercio al minuto e all'ingrosso e continua da sola la produzione dei manufatti nel laboratorio dietro al negozio.

Nel 2006 il figlio primogenito Alessandro entra nell'azienda di famiglia e si decide una radicale ristrutturazione dei locali su disegno del geometra Cauda: si arretrano le vetrine, si crea un portico per consentire uno spazio espositivo mettendo a nudo le belle volte ad arco e le colonne portanti con i mattoni a vista e si riapre il negozio completamente rimodernato.
Non per ultimo il significato dell'insegna CO.F.A.M.: CO = Confezioni, F = Franco (cognome da nubile), A = Albina, M = Mondovì.